Salento, bellezza della solidarietà: “Felicetto” rende meno tristi i viaggi della guarigione

Giovedì 16 novembre, alle ore 11, presso l’Open Space del Comune di Lecce, in piazza Sant’Oronzo, sarà presentato al pubblico e alla stampa un nuovo e originale progetto di solidarietà pediatrica. Verrà presentato quello che è stato pensato come un concreto sostegno alle famiglie salentine che affrontano trasferte in strutture ospedaliere specializzate nella cura dei bambini.

felicetto2

Si chiama “Felicetto – il coloratissimo camper superabile” e può accompagnare presso gli ospedali del Centro e Nord Italia, i bambini affetti da malattie tumorali che devono sostenere particolari cure. A bordo di Felicetto salgono i bimbi assieme alle loro famiglie e a tutti i loro effetti personali (libri, peluche, apparecchiature elettroniche, ecc), in tutta tranquillità e sicurezza. Felicetto infatti è un mezzo dotato di comodi letti (non si parla di lettighe di ambulanza) e di ogni tipo di tecnologia per intrattenere i giovani pazienti (dal satellitare alla play station fino alla rete Wi-Fi). Felicetto offre un viaggio in sicurezza ed è dotato di ogni comfort, per scongiurare qualsiasi rischio di contagio, fastidiosi trasbordi e scomode attese o ritardi. Inoltre il valore aggiunto di Felicetto, è dato dall’opportunità di ospitare i genitori durante la permanenza dei bimbi in ospedale. Un pensiero in meno per tutte le famiglie che non hanno più l’incomodo di cercare alloggio e hanno, anzi, la possibilità di alleggerire il peso economico che inevitabilmente la malattia fa gravare sulle loro spalle.

Il progetto nasce dalla condivisione di idee e obiettivi comuni di due associazioni: “ALR – Associazione Lorenzo Risolo” e “Portatori Sani di Sorrisi Onlus“. Due realtà dell’associazionismo attivo si sono unite per un unico intento: rendere meno doloroso, e forse anche un po’ più spensierato, il viaggio presso centri di cura adatti ai più piccoli. Affrontare il lungo e duro cammino della malattia e in particolare della malattia di un bimbo, del proprio bimbo, è un pesante onere per qualsiasi genitore. Il viaggio per eccellenza, quello che permette di rincorrere ancora la speranza di riportare a casa un figlio che ha combattuto e vinto contro il cancro, deve e può essere il meno traumatico possibile. Con questo unico obiettivo, le due associazioni si sono unite congiungendo le loro forze e i loro progetti.

felicetto2b

Con il progetto “In cura lontani da casa”, ALR sostiene già da tempo, le famiglie pugliesi che sono costrette ad affrontare viaggi e permanenze in centri di cura pediatrici oncologici d’eccellenza, attraverso donazioni di voucher aerei e ferroviari, e facendosi carico delle spese necessarie a tutto il periodo delle terapie, sono tantissime le famiglie, soprattutto salentine, in serie difficoltà economiche, che, proprio grazie a questo progetto, sono state “sollevate” da un ulteriore peso, beneficiando così delle migliori cure per il proprio bambino / ragazzo anche a chilometri di distanza.

Le associazioni “ALR – Associazione Lorenzo Risolo” e “Portatori Sani di Sorrisi Onlus“, sono due delle 24 associazioni appartenenti alla rete sociale “SOLOxLORO”, a sostegno del nascente Polo Pediatrico del Salento.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Annunci

Salento, bellezza della scuola: Eduscopio pone il “Galilei-Costa” al top degli economici

Eduscopio.it, lo strumento della Fondazione Agnelli di Torino per la valutazione delle scuole superiori che meglio preparano al lavoro e agli studi universitari, ha pubblicato nei giorni scorsi l’edizione 2017/2018 con i dati aggiornati e utili ai fini dell’orientamento per gli studenti di terza media e per le loro famiglie. Relativamente al lavoro, tra gli istituti tecnici economici di Lecce, l’Istituto “Galilei-Costa” risulta ancora una volta in testa, sia per quanto concerne l’indice di occupazione dei diplomati (31%) che per la coerenza tra la tipologia di studio effettuato e l’occupazione trovata (20.00), quest’ultimo valore è addirittura tre volte superiore.

istartup2

Nel dettaglio, l’indice di occupazione dei diplomati del “Galilei-Costa” è pari a 30,94 (31%), quello del “Calasso” è 29,41 (29%), quello dell’ “Olivetti” è 26,82 (27%), quello del “Deledda” è 26,38 (26%). Anche l’indice di coerenza tra la tipologia di studi effettuati ed il genere di lavoro trovato premia il “Galilei-Costa” con un valore di 20,00, mentre per l’ “Olivetti” è 7,02, per il “Deledda” è 6,93, per il “Calasso” è 6,02.

«Questi dati rappresentano un’ulteriore conferma della particolare didattica che abbiamo scelto di offrire ai nostri studenti – commenta la dirigente del “Galilei-Costa”, Addolorata Mazzottaimprontata all’uso approfondito delle nuove tecnologie digitali e all’educazione all’imprenditorialità. Insieme a tutto il corpo docente ci impegniamo costantemente affinché questi importanti valori possano conservarsi nel tempo, anzi ci auguriamo che possano ulteriormente crescere, grazie anche all’avvio nel presente anno scolastico del progetto “i-Startup”, attraverso il quale gli studenti di alcune classi, a partire dal primo anno, stanno sperimentando concretamente e con le proprie mani l’esperienza di ideare una micro impresa innovativa e implementarla nella realtà.»

preside

L’idea di fondo del progetto eduscopio.it è quella di valutare gli esiti successivi della formazione secondaria per trarne delle indicazioni di qualità sull’offerta formativa delle scuole da cui essi provengono. Per il mondo del lavoro eduscopio.it verifica se i diplomati hanno trovato un’occupazione, quanto rapidamente hanno ottenuto un contratto di durata significativa e se il lavoro ottenuto è coerente con gli studi compiuti. Infatti, la missione principale degli istituti tecnici e professionali è proprio quella di fornire competenze adeguate e immediatamente spendibili in termini lavorativi. Per la nuova edizione di eduscopio.it, Gianfranco De Simone e Martino Bernardi – i ricercatori responsabili del progetto – hanno analizzato gli esiti universitari e lavorativi di circa 1.100.000 studenti che si sono diplomati in oltre 6.000 scuole italiane negli anni scolastici 2011/12, 2012/13 e 2013/14.

eduscopio

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

 

 

Salento, bellezza dell’impegno: giovane vincitore del concorso “Vincotto & Lode” vola a Londra

Come spesso accade quando si organizza un evento di qualità, lo strascico e la risonanza positiva continua nel tempo, anzi si amplifica. E’ il caso dell’edizione 2017 del Concorso interregionale Puglia e Basilicata di cucina creativa per Istituti Alberghieri Vincotto & Lode il quale ha visto vincitori i giovani chef Patrick La Fratta e Graziano Pagliarulo dell’Alberghiero “E. Morante” di Crispiano.

graziano1

Ed è a quest’ultimo, Graziano Pagliarulo, che il concorso “Vincotto & Lode” ha portato particolare fortuna. Ora lavora presso uno dei locali più promettenti di Londra, dal nome quantomeno bizzarro Untitled (senza titolo), dislocato al 538 di Kingsland Road. Il primo apporto di Graziano in terra inglese è stato quello di posrtarsi dietro le sue origini e, insieme ad esse, una piccola scorta di Vincotto PrimitivO da far conoscere e, eventualmente, apprezzare dagli chef locali.

graziano2

Questa la sua storia: “Il lavoro l’ho trovato grazie ad un amico. A giugno, poco prima degli esami di maturità, sono andato in viaggio a Londra per una prova nel ristorante 3 stelle Michelin “Restaurant Gordon Ramsey” a Chelsea, dove però a causa del necessario ritorno in l’Italia e degli esami di Stato, non ho potuto avere il posto. Durante questo viaggio ho soggiornato da questo mio amico che mi ha offerto l’opportunità di presentarmi all’Untitled. Più che una cucina, quella dell’Untitled Bar è un laboratorio dove si è sempre in continua sperimentazione. Non so quanto resterò, possono essere mesi o anni. Per quanto possibile cercherò di far conoscere i nostri prodotti locali. E’ un ambiente molto stimolante e sto puntando in alto.”

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza dell’innovazione: “Menzione speciale” ai ragazzi del Galilei-Costa

Venerdì 27 ottobre si è svolta a Roma, presso il Campidoglio, la cerimonia di chiusura e la finale del concorso internazionale “Global Junior Challenge”, una competizione biennale promossa da Fondazione Mondo Digitale allo scopo di scoprire, valorizzare e premiare i migliori progetti che usano le moderne tecnologie per portare innovazione e inclusione nel campo dell’educazione e della formazione dei giovani. Questa ottava edizione del GJC ha previsto anche il Premio Speciale Tullio De Mauro da assegnare a una storia di successo, raccontata da un dirigente o da un docente, che dimostri con efficacia come la scuola di qualità sia anche la scuola per tutti, preziosa lezione che Tullio De Mauro ha lasciato in eredità.

istartup

A ricevere la “Menzione speciale” del Premio Tullio De Mauro è stata la didattica di innovazione e di inclusione dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce, espressa attraverso il racconto delle storie dei progetti “i-Startup” e “Mabasta” da parte del docente Daniele Manni. Questo ulteriore riconoscimento consolida e ratifica la particolare dedizione che la scuola salentina riserva ai suoi giovani studenti.

i-Startup” (www.i-startup.it) è il frutto di un’originale esperienza didattica maturata in oltre dieci anni di attività. È un innovativo percorso di Educazione all’Imprenditorialità giovanile inserito nell’ordinaria programmazione della scuola pubblica (un istituto tecnico per l’economia). Si parte già dal primo anno ed è quindi rivolto a ragazzi di 14 anni. È stato da poco pubblicato il sito web del progetto allo scopo di mettere a completa disposizione di quei docenti e quelle scuole che volessero condividere l’esperienza, dettagli, materiali e una nutrita serie di esempi e casi. Oltre ad approfondimenti curricolari in diverse discipline, quali Economia aziendale, Diritto, Informatica, Lingue e Italiano, “i-Startup” prevede numerosi laboratori pratici digitali (progettazione e stampa 3D, Internet of things, Arduino, …) ed una profonda e costante interazione con imprenditori e giovani startuppers di successo, i quali si racconteranno attraverso la tecnica dello storytelling.

mabasta1

Mabasta” (www.mabasta.org) è la prima startup sociale ideata dai ragazzi dell’Istituto “Galilei-Costa”. È nata appena 20 mesi fa ad opera di 14 studenti 14enni dell’allora classe 1°A. Il nome è anche un acronimo che sta per “Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti”. È probabilmente la prima azione organizzata di lotta e contrasto al bullismo e al cyberbullismo “dal basso”, ossia condotta dagli studenti e dai giovani. In questi pochi mesi  i ragazzi, grazie al digitale, sono riusciti ad essere in prima pagina sul Corriere della Sera e su tutti i maggiori Tg nazionali, su “Striscia la notizia”, sul palco di Sanremo, al fianco del nuovo Spideman e a ricevere il titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella e, soprattutto, ad avere un seguito di 100 scuole e migliaia di studenti.

danielemanni

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, anche questa è bellezza: Alida e Francesco si conoscono su “Sparpagghiati” e si sposano

Alida e Francesco sono due membri del gruppo Facebook “Salentini Sparpagghiati” il quale, come dice il nome stesso, raccoglie in un unico luogo virtuale tanti, tantissimi salentini che per lavoro o studio vivono lontani dal loro territorio di origine. All’inizio non si conoscevano neanche e, tra un “buongiorno con Caffè Quarta”, un “che state preparando di buono oggi” e un “quanto mi manca il nostro mare”, hanno iniziato a prendere confidenza e, foto dopo foto, post dopo post, a piacersi.

sposi0

Alida è originaria di Racale e dall’età di 18 anni viveva in Piemonte, mentre Francesco, originario di Patù, vive e lavora da 34 anni in Svizzera. Dal prendersi un caffè “virtuale” sono passati man mano a quello vero, intenso e profumato, dalle “chiacchiere” sul web ai sempre più frequenti week end trascorsi insieme, fino a giungere poi al 9 agosto 2017, giorno in cui nel paese di Patù hanno pronunciato il fatidico “sì, lo voglio“.

sposi2

Ecco il racconto di Alida: “Tutto è nato sul fantastico gruppo dei “Salentini Sparpagghiati” poco più di quattro anni fa. Era un sabato pomeriggio, mi ricordo come fosse oggi, c’era in tv, su “Sereno variabile“, un servizio su Santa Maria di Leuca e, come tutte le volte in cui c’è qualcosa che riguarda il Salento, sul gruppo si è scatenato un tam tam per competere e vedere a chi mancava di più la nostra terra e le nostre usanze. Il 29 giugno 2013 ho conosciuto Francesco nella grande SparpaFamiglia e da lì è partita la richiesta di amicizia e poi, parola su parola, abbiamo iniziato a scambiare opinioni e ricordi della nostra terra. E’ così che è iniziato a sbocciare qualcosa in noi. Decidemmo poi di incontrarci un weekend e così Francesco venne a trovarmi. Weekend dopo weekend, tra Italia e Svizzera, abbiamo maturato nel tempo una decisione definitiva, importante. Io mi sono licenziata (ero un dipendente pubblico) e mi sono trasferita in Svizzera, da Francesco.

sposi3

Ci siamo sposati il 9 agosto scorso presso Palazzo Liborio a Patù, una paesino che amo molto e che definisco una “bomboniera”.

Spero tanto che la nostra semplice storia sia di esempio a molti. Stiamo molto bene insieme e ci amiamo tanto. Facebook e il gruppo degli “Sparpagghiati” ha fatto questo per noi.”

Il gruppo Facebook dei “Salentini Sparpagghiati“.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza dell’impegno: studenti in finale al concorso internazionale Global Junior Challenge con startup Mabasta

Marta Di Giuseppe, Niki Greco, Michela Montagna e Filippo Staccioli in rappresentanza della loro classe 3°A SIA dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce partiranno per Roma dove, da mercoledì 25 e fino a venerdì 27 ottobre, affronteranno la finale del Global Junior Challenge 2017, il concorso internazionale di innovazione e inclusione sociale.

mabasta1

Perfettamente calzante al tema della “innovazione e inclusione sociale”, la startup sociale con cui la classe salentina è in finale è “Mabasta – Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti”, un’iniziativa avviata a febbraio 2016 e che, grazie all’uso sapiente delle tecnologie di comunicazione digitali, in soli 20 mesi si è fatta conoscere in ogni regione d’Italia e ha raccolto adesioni e consensi da decine di migliaia di giovani e giovanissimi (e dalle famiglie) nell’individuare e applicare strategie innovative contro ogni forma di bullismo e cyberbullismo.

mabasta2

Hanno solo 15/16 anni eppure le loro idee e le azioni innovative “dal basso”, quali l’individuazione in ogni classe delle figure di Bulliziotti e Bulliziotte, la presenza in ogni scuola delle Bullibox e ogni altra strategia per creare classi e scuole Debullizzate, hanno permesso loro di salire sul palco del Festival di Sanremo 2017, di ricevere dal Presidente della Repubblica Mattarella un titolo di “Alfiere della Repubblica”, di stringere alleanza con il nuovo Spiderman, di avere al loro fianco personaggi del calibro della Presidente della Camera Boldrini, le Ministre Giannini e Fedeli, Jon Watts, Tom Holland, Piero Pelù, Nicole Orlando, Federico Buffa, Selvaggia Lucarelli, Antonino Esposito, Pierluigi Pardo, …

mabasta3

Il Global Junior Challenge è il concorso internazionale che premia l’uso innovativo delle tecnologie per l’educazione e l’inclusione sociale. Il concorso è organizzato dalla Fondazione Mondo Digitale sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. E’ un’occasione unica per riflettere sulle sfide di questo secolo per l’innovazione nella didattica, l’integrazione, lo sviluppo sostenibile e l’abbattimento della povertà nel mondo. A questa settima edizione del GJC sono stati presentati centinaia di progetti di tutto il mondo, dall’Albania all’Uganda. La giuria internazionale ha selezionato 90 finalisti, che saranno a Roma dal 25 al 27 ottobre per l’evento finale e la premiazione in Campidoglio.

mabasta4

I nostri ragazzi dovranno vedersela nella loro categoria (16-18 anni) con 20 altri “colleghi” della Svezia, dell’Estonia, del Kenya e di altre scuole del resto d’Italia.

Sito Mabasta: www.mabasta.org

Pagina Facebook: www.facebook.com/mabasta.bullismo

————————————————————————————————————

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza della simpatia: è il Fiat Frigolo il vip più fotografato

È sicuramente lui la star più fotografata dell’estate salentina 2017. Infatti sui social network si possono trovare selfie, ritratti e semplici “avvistamenti” in diverse località del tacco d’Italia. Sarà stato per i colori vistosi, o per la curiosità del nome o, ancora, per il grande hashtag #fierodiaverlopiccolo stampigliato sui quattro lati, fatto è che ha attratto la curiosità di tantissimi. Parliamo del veicolo battezzato con il nome “Fiat Frigolo” un furgoncino retrò espressamente concepito dall’imprenditore salentino Renato Manni per promuovere la nuova campagna 2017 di vendita on line di mini frigo bar.

frigolo1

Dopo un attento lavoro di allestimento, studiato nei minimi particolari per attirare l’attenzione del pubblico (ma anche per strappare un sorriso), il “Fiat Frigolo” è uscito il 1 aprile 2017 dal garage dell’imprenditore e ha percorso durante tutta l’estate le strade del Salento, portando con sé il messaggio promozionale legato al catalogo di mini frigoriferi. Ad ispirare Manni nella scelta del nome del nuovo veicolo è stata l’associazione di idee con un ipotetico “ottavo nano”, Frigolo, appunto, un simpatico e divertente nano dalle …freddure agghiaccianti.

frigolo0

Sui quattro lati della vettura è riportato anche l’hashtag che l’anno scorso ha reso celebre sia l’attività economica digitale dell’imprenditore che il personaggio, ossia #fierodiaverlopiccolo.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza dei giovani: lanciano slogan per la Giornata mondiale dell’alimentazione

Sono gli studenti della classe 3°B indirizzo SIA dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce e, come progetto scolastico, sono impegnati nel settore agroalimentare con la startup “Salento is Beauty-Food”. In occasione della “Giornata Mondiale dell’Alimentazione” della FAO, che ricorre oggi 16 ottobre, hanno voluto dare un personale contributo e hanno ideato uno slogan che recita “Non sfamare è peccato mondiale” ed un poster abbinato che rimarca graficamente il concetto di “peccato”.

poster

Il tema di quest’anno è “Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo in sicurezza alimentare e sviluppo rurale”. La FAO celebra la “Giornata mondiale dell’alimentazione” ogni anno il 16 ottobre, per commemorare la fondazione dell’Organizzazione nel 1945. Vi sono celebrazioni in oltre 150 paesi in tutto il mondo, e questo lo rende uno dei giorni più celebrati del calendario ONU. Questi eventi fanno opera di sensibilizzazione su tutti coloro che soffrono la fame e sulla necessità di garantire la sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti.

poster2

Oggi, 16 ottobre, in occasione della cerimonia ufficiale che si terrà presso la sede centrale della FAO, il Direttore Generale della FAO sarà affiancato da Papa Francesco e dai Ministri dell’agricoltura che partecipano alle riunioni del Gruppo dei Sette (G7).

poster3

Questi gli studenti creativi della classe: Mattia Carlà, Ilaria De Carlo, Leonardo De Cesare, Desireé De Rosa, Luca Invidia, Federica Mazzotta, Alessandro Miglietta, Davide Minerva, Manuel Natale, Davide Nocita, Francesco Ponzio, Marvin Rame, Antonio Santo, Kabishana Stephen.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza del buon cibo: la festa del Mercato Contadino

Ogni venerdì, dalle 18.30 alle 20.30 (con ingresso libero), le Manifatture Knos di Lecce si animano con il Gas – Mercato Contadino di Oltre Mercato Salento, un tripudio di coloratissime bancarelle per una spesa consapevole, bio e a km0.

mercato1

Un momento che negli anni è diventato una vera e propria festa del buon cibo e un’occasione di incontro nella grande piazza centrale del Knos, dove è possibile acquistare prodotti naturali e biologici – pane e prodotti da forno di solo grano senatore cappelli, farine di cereali vari, un vasto assortimento di peperoncini, olio extravergine, conserve, vino, formaggi, frutta e ortaggi di stagione e molto altro – direttamente dai produttori a prezzi accessibili senza dover raggiungere le singole aziende agricole nella propria sede. Un appuntamento dedicato ai consumatori in cerca di prodotti sani e di qualità, ai produttori attenti ai diritti dell’uomo e della natura, ai semplici interessati o curiosi.

mercato0

Il Gruppo d’Acquisto Solidale (GAS) di Oltre Mercato Salento riunisce consumatori consapevoli che hanno stretto una relazione di fiducia con piccoli produttori salentini che utilizzano tecniche agricole e processi produttivi sostenibili, avendo a cuore l’ambiente e il territorio, la salubrità dei propri prodotti, il rispetto dei lavoratori, la biodiversità, la collaborazione e le reti di economia solidale. Un’economia basata su relazioni rispettose delle persone e dell’ambiente. Oltre Mercato Salento sostiene le buone pratiche di produzione, i gruppi d’acquisto solidali, le piccole distribuzioni organizzate, la condivisione delle conoscenze, il recupero degli antichi mestieri, e accoglie chiunque voglia scambiare tecniche, arti e saperi. Diffonde la cultura dello sviluppo sostenibile e applica le metodologie dei sistemi di garanzia partecipata per dare credibilità alle piccole aziende che producono in modo eco-compatibile. Organizza eventi sui temi dell’economia solidale e sui prodotti artigianali e alimentari a filiera corta.

Maggiori info: www.oltremercatosalento.org

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza della moda: l’Istituto di Moda Cordella veste “Miss Sri Lanka”

Si espande l’arte e la creatività dell’Istituto di Moda Cordella di Lecce il quale ha avuto un ruolo fondamentale nella sfilata che, pochi giorni fa a Roma, ha proclamato Miss Sri Lanka Italy presso il Teatro Vignano; il contest di bellezza ha avuto come protagoniste 20 bellissime aspiranti reginette accuratamente selezionate.

carol

Chiara BorrinoAlessandra MancoAntonella StomeoJana MitaGiada Restatte sono le allieve dell’Istituto che per l’occasione hanno vestito le finaliste della gara di bellezza, nonché anche la vincitrice Rashie Perera, il cui prossimo obiettivo sarà quello di partecipare alla finale mondiale “Miss World Wide”. Secondo Carol Cordella, direttrice della scuola di Moda, si presenta una grande occasione non solo per l’opportunità di rendere nota la propria arte ma anche per la possibilità di confrontarsi con culture diverse e quindi di crescere.

lamissuscentevera

Anche la miss uscente Nilu Wadduwage ha potuto apprezzare il talento dei futuri stilisti  allievi dell’Istituto Cordella, attraverso una collaborazione per la rivista americana Afi magazine è stata infatti immortalata nel Tetro Politeama di Lecce dal fotografo Mauro Lorenzo con styling curato da Carol Cordella e dagli allievi della sua scuola.

missrilankavera

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it