Salento, bellezza della “bellezza”: il “Festival InBellezza” per celebrarla

Hanno lavorato oltre un anno sull’approfondimento del concetto di “Bellezza” e dei suoi grandi valori e potenziali, ora si sentono pronti ad organizzare un evento per celebrarla, è il “Festival InBellezza” e avrà luogo a Lecce e nel Salento nel fine settimana dal 24 al 27 maggio 2018.

fib01

Sono gli studenti della classe 5°B dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce. Hanno ideato anche un hashtag che accompagnerà l’evento, significativo ed emblematico: #InBeautyWeTrust (nella bellezza confidiamo), parafrasi della nota dicitura riportata sul dollaro americano “In God we trust”. Il logo del Festival è un diamante con immagini di bellezza sulle varie facce.

FiB02
Sarà un evento poliedrico, multimediale, diffuso e altamente attraente per il turismo destagionalizzato. Poliedrico in quanto racconterà storie all’ennesima bellezza di luoghi di natura, borghi, arti, ma anche gesta, opere e cibo. Multimediale perché le stesse storie saranno raccontate attraverso una grande varietà di mezzi, che includono esposizioni in piazza, presentazioni in sala, mostre, ma anche concerti e opere di spettacolo. Diffuso in quanto sia le iniziative organizzate in proprio, dai ragazzi, che quelle promosse e gestite da terzi, incluse nel programma complessivo del Festival, avranno luogo su tutto il territorio salentino. Infine turisticamente attraente in quanto i ragazzi stanno elaborando strategie originali e innovative, capaci di portare a Lecce e nel Salento nei giorni del Festival una grande moltitudine di turisti e visitatori.

Hanno già iniziato ad interagire con le istituzioni locali e nazionali, stanno allacciando contatti con personalità italiane di rilievo in qualità di relatori e testimonial, sia delle varie “bellezze” ma anche, provocatoriamente, delle tante “antibellezze” esistenti, con l’augurio di individuarne le possibili “cure”. Inoltre stanno invitando associazioni, centri culturali e organizzatori di eventi a proporre e promuovere, in autonomia, iniziative che abbiano luogo durante il fine settimana del Festival, garantendo loro l’inclusione nel programma complessivo dell’evento (in qualità di eventi collaterali) ed il pieno coinvolgimento nella grande comunicazione prevista. Tra gli eventi già in programma nel periodo e strettamente correlati con la promozione del concept “Bellezza”, vi sono “Cortili aperti”, ”Artigianato d’eccellenza” e “Maggio salentino”.

fib03
Nella cura complessiva del Festival, i giovanissimi startupper del “Galilei-Costa” sono affiancati e supportati da Daniele Chirico e Michael Candido, altri giovani salentini, entrambi diplomati presso la stessa scuola di Lecce e entrambi con alle spalle l’esperienza maturata nell’organizzazione e gestione di quattro edizioni del “Festival della Dieta Med-Italiana”.

Tutti a Lecce dunque, da giovedì 24 a domenica 27 maggio 2018!

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Annunci

Salento, bellezza dell’istruzione: UniSalento tra le prime 300 al mondo e 5° tra le italiane

L’Università del Salento è presente in ottima posizione nella classifica “Times Higher Education World University Rankings 2014-2015”, redatta dalla Thomson Reuters: quinto posto tra le università italiane e 263° posto su 400 tra le università di tutto il mondo. Un miglioramento notevole, ben 70 posizioni conquistate rispetto al 2013. L’Ateneo salentino passa, infatti, dal rank 301-350° dello scorso anno al posizionamento 251-275 di quest’anno. Questo dato sta ad attestare la qualità ed il prestigio di Unisalento, che di anno in anno migliora.

unisalento1

Non è finita qui. Unisalento è anche la prima Università del Sud Italia presente nella classifica mondiale delle migliori 400 accademie al mondo. L’Università “La Sapienza” di Roma è 323esima, mentre la “Aldo Moro” di Bari 379esima.

Un più che ottimo successo realizzato anche grazie alle politiche del rettorato di Domenico Laforgia, considerato che il rettore emerito è rimasto in carica fino al 31 ottobre 2013. «Sono compiaciuto di vedere crescere ancora l’Università del Salento che nella classifica del Times Higher Education migliora ancora la sua posizione collocandosi nella fascia tra il 250° e il 275° posto – sottolinea, infatti, Laforgia -. L’anno scorso si posizionava tra le prime 350 Università del mondo guadagnando già rispetto al 2012. Questo brillante risultato ci vede nello stesso segmento delle Università di Trento e Torino ma davanti a Università come quelle di Bologna, Milano Statale, Padova, Pisa, Milano Politecnico, La Sapienza di Roma, Bari, Ferrara, Firenze e Roma III.

unisalento2

È un successo che premia sacrifici enormi fatti durante gli anni di un rettorato che ha avuto come obiettivo prioritario la crescita dell’Ateneo salentino e che mette un ultimo sigillo di qualità alla mia amministrazione. Passare al settimo posto tra le università italiane presenti nel ranking mi fa enormemente piacere, lo dico senza false modestie, ringraziando per questo risultato tutta la mia squadra, prorettore vicario, prorettori e delegati. Mi auguro che questo trend si mantenga nei prossimi anni perché sarebbe proprio un peccato perdere posizioni così faticosamente raggiunte a livello mondiale».

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Salento, bellezza dell’arte culinaria: la cucina tipica scioglie il cuore di Cracco

Carlo Cracco, un nome di fronte al quale molti chef e apprendisti chef tremano data la sua fama da noto critico culinario, lo abbiamo visto più volte nelle vesti di giudice esaminare e poi commentare senza peli sulla lingua piatti di ogni genere.

malaika

Ma adesso il Salento ha un posto d’eccellenza nel suo cuore, è stata Solaika Marrocco, chef del Primo Restaurant di Lecce a rendere noto al cuoco uno dei piatti più tradizionali della nostra terra. La giovane e talentuosa donna ha ricevuto un importante riconoscimento vincendo il “Premio Birra Moretti Gran Cru 2017” conquistando il palato degli chef con la rivisitazione di un piatto tipico: i turcineddhi, per l’occasione glassati alla birra e accompagnati da marmellata di cipolle all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo. Solaika è originaria di Parabita e si è diplomata presso l’Istituto Alberghiero di Santa Cesarea Terme.

cracco

Un piatto il cui solo pensiero fa venire l’acquolina in bocca. Non è una sorpresa quindi che attraverso questa deliziosa pietanza la finalista abbia lasciato a bocca aperta i giudici eliminando più di 160 concorrenti. Il concorso indetto a livello nazionale è un ottimo trampolino di lancio che ci offre la possibilità di rendere noto un piatto che nasce dalla quotidianità delle nostre tavole e arriva a toccare il cuore di chef di importanza mondiale.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Salento, bellezza della scuola: Eduscopio pone il “Galilei-Costa” al top degli economici

Eduscopio.it, lo strumento della Fondazione Agnelli di Torino per la valutazione delle scuole superiori che meglio preparano al lavoro e agli studi universitari, ha pubblicato nei giorni scorsi l’edizione 2017/2018 con i dati aggiornati e utili ai fini dell’orientamento per gli studenti di terza media e per le loro famiglie. Relativamente al lavoro, tra gli istituti tecnici economici di Lecce, l’Istituto “Galilei-Costa” risulta ancora una volta in testa, sia per quanto concerne l’indice di occupazione dei diplomati (31%) che per la coerenza tra la tipologia di studio effettuato e l’occupazione trovata (20.00), quest’ultimo valore è addirittura tre volte superiore.

istartup2

Nel dettaglio, l’indice di occupazione dei diplomati del “Galilei-Costa” è pari a 30,94 (31%), quello del “Calasso” è 29,41 (29%), quello dell’ “Olivetti” è 26,82 (27%), quello del “Deledda” è 26,38 (26%). Anche l’indice di coerenza tra la tipologia di studi effettuati ed il genere di lavoro trovato premia il “Galilei-Costa” con un valore di 20,00, mentre per l’ “Olivetti” è 7,02, per il “Deledda” è 6,93, per il “Calasso” è 6,02.

«Questi dati rappresentano un’ulteriore conferma della particolare didattica che abbiamo scelto di offrire ai nostri studenti – commenta la dirigente del “Galilei-Costa”, Addolorata Mazzottaimprontata all’uso approfondito delle nuove tecnologie digitali e all’educazione all’imprenditorialità. Insieme a tutto il corpo docente ci impegniamo costantemente affinché questi importanti valori possano conservarsi nel tempo, anzi ci auguriamo che possano ulteriormente crescere, grazie anche all’avvio nel presente anno scolastico del progetto “i-Startup”, attraverso il quale gli studenti di alcune classi, a partire dal primo anno, stanno sperimentando concretamente e con le proprie mani l’esperienza di ideare una micro impresa innovativa e implementarla nella realtà.»

preside

L’idea di fondo del progetto eduscopio.it è quella di valutare gli esiti successivi della formazione secondaria per trarne delle indicazioni di qualità sull’offerta formativa delle scuole da cui essi provengono. Per il mondo del lavoro eduscopio.it verifica se i diplomati hanno trovato un’occupazione, quanto rapidamente hanno ottenuto un contratto di durata significativa e se il lavoro ottenuto è coerente con gli studi compiuti. Infatti, la missione principale degli istituti tecnici e professionali è proprio quella di fornire competenze adeguate e immediatamente spendibili in termini lavorativi. Per la nuova edizione di eduscopio.it, Gianfranco De Simone e Martino Bernardi – i ricercatori responsabili del progetto – hanno analizzato gli esiti universitari e lavorativi di circa 1.100.000 studenti che si sono diplomati in oltre 6.000 scuole italiane negli anni scolastici 2011/12, 2012/13 e 2013/14.

eduscopio

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

 

 

Salento, bellezza della musica: La Notte della Taranta in trasferta a Londra 

Per il nostro territorio il turismo è un settore fondamentale, durante tutto l’anno sono tantissimi i viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo che scelgono il Salento come meta per le loro vacanze, venendo alla scoperta delle nostre usanze e tradizioni. L’alta stagione si presenta in estate, ed è proprio in piena estate, intorno alla fine di Agosto che si celebra una delle tradizioni più legate alla nostra terra, il concertone: La Notte della Taranta.  ​

taranta1

Già internazionale, La Notte della Taranta lega il Salento a tutte le culture del mondo attraverso la musica ed il ballo. Ed è per questo che l’Agenzia Nazionale del Turismo (ENIT) ospiterà al World Travel Market, una delle fiere del turismo più importanti a livello mondiale, L’Orchestra Popolare, interprete del grande evento salentino, che avrà modo di esibirsi a Londra il 6 Novembre, nella giornata di inaugurazione della fiera pizzicando gli animi dei cittadini inglesi a suon di tamburelli.

taranta3

Il concerto avrà luogo in Piazza Italia nello spazio espositivo ExCel di Londra. Massimo Manera, presidente della “Fondazione La Notte della Taranta” trova che sia il palcoscenico ideale per divulgare al meglio la tradizione musicale Salentina, grazie anche all’inserimento del nostro festival tra le eccellenze italiane, a cura del Ministro Dario Franceschini, sicuramente un notevole supporto all’industria turistica Pugliese.

taranta2

Dirigerà il palco londinese Daniele Durante che darà andamento tempo e dinamiche all’Orchestra composta da Antonio Amato (voce e tambuerllo), Nico Berardi (fiati), Giuseppe Astore (violino) e Francesco Cardone (organetto). Balleranno la pizzica Lucia ScarabinoSerena Pellegrino e Cristina Frassanito.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding



Salento, bellezza dell’impegno: giovane vincitore del concorso “Vincotto & Lode” vola a Londra

Come spesso accade quando si organizza un evento di qualità, lo strascico e la risonanza positiva continua nel tempo, anzi si amplifica. E’ il caso dell’edizione 2017 del Concorso interregionale Puglia e Basilicata di cucina creativa per Istituti Alberghieri Vincotto & Lode il quale ha visto vincitori i giovani chef Patrick La Fratta e Graziano Pagliarulo dell’Alberghiero “E. Morante” di Crispiano.

graziano1

Ed è a quest’ultimo, Graziano Pagliarulo, che il concorso “Vincotto & Lode” ha portato particolare fortuna. Ora lavora presso uno dei locali più promettenti di Londra, dal nome quantomeno bizzarro Untitled (senza titolo), dislocato al 538 di Kingsland Road. Il primo apporto di Graziano in terra inglese è stato quello di posrtarsi dietro le sue origini e, insieme ad esse, una piccola scorta di Vincotto PrimitivO da far conoscere e, eventualmente, apprezzare dagli chef locali.

graziano2

Questa la sua storia: “Il lavoro l’ho trovato grazie ad un amico. A giugno, poco prima degli esami di maturità, sono andato in viaggio a Londra per una prova nel ristorante 3 stelle Michelin “Restaurant Gordon Ramsey” a Chelsea, dove però a causa del necessario ritorno in l’Italia e degli esami di Stato, non ho potuto avere il posto. Durante questo viaggio ho soggiornato da questo mio amico che mi ha offerto l’opportunità di presentarmi all’Untitled. Più che una cucina, quella dell’Untitled Bar è un laboratorio dove si è sempre in continua sperimentazione. Non so quanto resterò, possono essere mesi o anni. Per quanto possibile cercherò di far conoscere i nostri prodotti locali. E’ un ambiente molto stimolante e sto puntando in alto.”

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza dell’arte dolciaria: Isabella Potì tra i 30 “under 30” su Forbes

Isabella Potì, un nome che sentiremo spesso nominare quello della 21enne sous chef e pastry chef del ristorante Bros (già noto per i suoi successi).  La giovanissima promessa è infatti nella classifica della rivista americana Forbes riguardante i 30 personaggi “under 30” più promettenti per il futuro. Un grande prestigio per la cuoca inserita in una classifica che comprende ogni angolo del pianeta e ogni tipo di mestiere.

isabella0

Isabella frequentava il quinto anno del liceo alberghiero quando incontrò i fratelli Giovanni e Floriano Pellegrino, direttori e fondatori del Bros. Dopo i primi quattro mesi di stage per prendere confidenza con la cucina del  ristorante e con i proprietari, ha lavorato prima a Londra all‘Hibiscus Resturant continuando poi il tirocinio si è spostata presso lo chef basco Martin Berasategui sempre in contatto con i due fratelli. E ora si sono stabilizzati a Lecce, una città viva e movimentata e come dice lei stessa: “adatta a noi”.

isabella0a

La “Pasticceria da ristorante” secondo lo chef deve essere molto tradizionale senza piatti astratti e troppo artificiali,nulla contro gli impiattamenti fantasiosi dei colleghi ma si ritiene più affezionata alla tecnica tradizionale pasticcera, sempre aggiungendo un tocco personale affine con il territorio e la stagione. Il soufflè è suo il cavallo di battaglia la cosa che sa fare meglio e su cui sperimenta di più, creando meraviglie come il soufflè al sedano per il periodo estivo e quello al formaggio di capra stagionato con il gelato al nocino per le stagioni più fredde. Ritiene però la “forma” secondaria al “sapore” del dolce, difatti è solo attraverso il sapore che il dolce avrà la forma adeguata impiattando in maniera genuina e lineare. Anche senza esserci andati è ormai risaputo che la cucina del “Bros” è molto particolare e, per realizzare certe opere, ci vuole molto allenamento perciò gli chef sono sotto prova costante cercando sempre di migliorare il prodotto servito.

isabella1

Isabella potrebbe prevedere un futuro pieno di aspettative ma preferisce continuare ad immaginarsi con la famiglia “Bros”. Per lei, il traguardo di Forbes è uno stimolo per dare sempre il meglio.

L’articolo su Forbes

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza del cinema: anteprima del film “Non c’è campo” di Federico Moccia girato interamente nel Salento

Sarà proiettato il 1 novembre, in anteprima, a Lecce e Gallipoli il nuovo film “Non c’è campo” di Federico Moccia, girato interamente tra Lecce e Scorrano nella scorsa primavera. Tra i protagonisti, Vanessa Incontrada e Gian Marco Tognazzi, con la partecipazione della cantante, anch’essa di adozione salentina, Elodie.

ncc00

Il film parla di Laura (Vanessa Incontrada) che ha deciso di organizzare per i suoi studenti del liceo, nell’anno della maturità, una gita insolita: un laboratorio artistico a Scorrano, in Salento, con l’artista Gualtiero Martelli. Ad accompagnare i ragazzi verrà suo malgrado anche l’insegnante di lettere,  Andrea (Gian Marco Tognazzi), che nel mentre cerca disperatamente di completare un progetto di ricerca da proporre all’Università di Boston. Tanto lei, quanto i ragazzi perennemente connessi ai social, avranno però una brutta sorpresa una volta giunti sul posto: a Scorrano i cellulari non prendono, non ci sono “tacche” né wi-fi e tutti si sentono improvvisamente tagliati fuori dal mondo.

ncc2Appuntamento mercoledì 1° Novembre a Lecce (ore 17:00, 18:50, 20:40, 22:30 Multisala Massimo, viale Lo Re) e Gallipoli (ore 16:30, 18:30 Cinema Teatro Italia). Il film è distribuito da Koch Media.

ncc0

Trailer del Film 

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, anche questa è bellezza: Alida e Francesco si conoscono su “Sparpagghiati” e si sposano

Alida e Francesco sono due membri del gruppo Facebook “Salentini Sparpagghiati” il quale, come dice il nome stesso, raccoglie in un unico luogo virtuale tanti, tantissimi salentini che per lavoro o studio vivono lontani dal loro territorio di origine. All’inizio non si conoscevano neanche e, tra un “buongiorno con Caffè Quarta”, un “che state preparando di buono oggi” e un “quanto mi manca il nostro mare”, hanno iniziato a prendere confidenza e, foto dopo foto, post dopo post, a piacersi.

sposi0

Alida è originaria di Racale e dall’età di 18 anni viveva in Piemonte, mentre Francesco, originario di Patù, vive e lavora da 34 anni in Svizzera. Dal prendersi un caffè “virtuale” sono passati man mano a quello vero, intenso e profumato, dalle “chiacchiere” sul web ai sempre più frequenti week end trascorsi insieme, fino a giungere poi al 9 agosto 2017, giorno in cui nel paese di Patù hanno pronunciato il fatidico “sì, lo voglio“.

sposi2

Ecco il racconto di Alida: “Tutto è nato sul fantastico gruppo dei “Salentini Sparpagghiati” poco più di quattro anni fa. Era un sabato pomeriggio, mi ricordo come fosse oggi, c’era in tv, su “Sereno variabile“, un servizio su Santa Maria di Leuca e, come tutte le volte in cui c’è qualcosa che riguarda il Salento, sul gruppo si è scatenato un tam tam per competere e vedere a chi mancava di più la nostra terra e le nostre usanze. Il 29 giugno 2013 ho conosciuto Francesco nella grande SparpaFamiglia e da lì è partita la richiesta di amicizia e poi, parola su parola, abbiamo iniziato a scambiare opinioni e ricordi della nostra terra. E’ così che è iniziato a sbocciare qualcosa in noi. Decidemmo poi di incontrarci un weekend e così Francesco venne a trovarmi. Weekend dopo weekend, tra Italia e Svizzera, abbiamo maturato nel tempo una decisione definitiva, importante. Io mi sono licenziata (ero un dipendente pubblico) e mi sono trasferita in Svizzera, da Francesco.

sposi3

Ci siamo sposati il 9 agosto scorso presso Palazzo Liborio a Patù, una paesino che amo molto e che definisco una “bomboniera”.

Spero tanto che la nostra semplice storia sia di esempio a molti. Stiamo molto bene insieme e ci amiamo tanto. Facebook e il gruppo degli “Sparpagghiati” ha fatto questo per noi.”

Il gruppo Facebook dei “Salentini Sparpagghiati“.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it

Salento, bellezza da location: una nuova serie Tv di Ricky Tognazzi

Dal 9 ottobre, data in cui si è svolto il fatidico ciak iniziale, e per tre settimane, tra Monopoli, Taranto, Nardò e Giuliano di Leuca (Lecce), si svolgeranno le riprese della serie tv Rai composta da 4 puntate “La vita promessa” diretta dall’attore, regista e produttore cinematografico italiano Ricky Tognazzi, con Luisa Ranieri, Francesco Arca, Marco Foschi e Thomas Trabacchi. Si tratta di una co-produzione Rai Fiction e Picomedia, con il sostegno di Apulia Film Commission.

tognazzi1

La vicenda parla di una delle tante famiglia siciliane costrette ad emigrare in cerca di fortuna. La storia è ambientata negli anni ’20 e si intrecciano episodi tragici, le forti delusioni ed estremi tentativi di riscatto e determinazione che segneranno l’esistenza di Carmela, la “madre coraggio” sempre pronta a lottare per la vita promessa a se stessa e ai suoi familiari prima nel povero mezzogiorno e poi a New York.

tognazzi2

La Serie Tv è sostenuta da Apulia Film Commission con un finanziamento di ben 251mila euro. Per la realizzazione del film sono state e saranno impiegate 40 unità lavorative pugliesi.

#SalentoCheBellezza – #InBeautySalentoTrusts – #Landfunding

Info e contatti su: www.salentochebellezza.it